«

»

Gen 31

Windows 7 addio ? forse no grazie a 0Patch

Dopo 10 anni di onorato servizio Microsoft a Gennaio 2020 ha terminato il supporto attivo per il suo ottimo sistema operativo Windows 7 che al momento è ancora molto diffuso nel mondo : si parla di una percentuale di sistemi Windows 7 superiore al 25% !

Visto che molti utenti apprezzano poco Windows 10 vediamo se esistono dei sistemi operativi alternativi o se è possibile continuare ad usare Windows 7 anche dopo la fine del supporto ufficiale da parte di Microsoft.

 

A dire il vero Microsoft offre un supporto esteso a pagamento per Windows 7 ancora per 3 anni con il suo programma di licenze ESU, quindi un’azienda che non volesse migrare a Windows 10 potrebbe continuare ad usare Windows 7 pagando questo supporto esteso, sinceramente ve lo sconsiglio perchè è piuttosto caro, comunque per maggiori informazioni potete leggere queste info sul sito di Microsoft :

https://support.microsoft.com/it-it/help/4527878

Se è caro per le aziende figuriamoci per i privati !, la soluzione migliore quindi per aziende o privati che volessero (o che devono per forza) rimanere in ambiente Windows è migrare a Windows 10 (se il vostro hardware è in grado di reggere la migrazione : comunque mettete in conto la sostituzione del disco magnetico tradizionale con un disco SSD perchè nonostante quello che si legge online Windows 10 risulta più pesante di Windows 7 e quindi il modo migliore per velocizzare un vecchio pc è cambiare il disco).

 

Siete stanchi di Windows ? non vi piace proprio Windows 10 ? Potete passare gratuitamente a una delle varie distribuzoni Linux esistenti : Ubuntu tra tutte è sicuramente quella più diffusa e friendly, oppure acquistare una macchina Apple con Mac OS; queste scelte “estreme” di cambio del sistema operativo dipendono molto dai programmi che usate e dall’uso che fate della vostra macchina, per alcuni la soluzione potrebbe essere totalmente indolore, per altri che debbano usare applicazioni sviluppate solo per Windows potrebbe essere una strada molto impegnativa (emulatori software) od impossibile.

 

E se volessi rimanare con Windows 7 ? Come dicevamo sopra a livello aziendale non conviene (a meno che paghiate Microsoft per il supporto esteso), mentre a livello personale / privato è una scelta percorribile almeno fino a quando si riesce a mantenere un certo livello di sicurezza della nostra macchina Windows 7.

I problemi di sicurezza maggiori ovviamente arrivano da internet quindi è fondamentale usare un browser per navigare su internet che sia mantenuto attivo con le correzion per la prevenzione degli attacchi via webi, visto che Internet Explorer non verrà aggiornato passate immediatamente a Mozilla Firefox o Google Chrome e almeno per 2 anni avrete un browser funzionante e sicuro (e migliore di IE !).

Altro problema è assicurare la protezione a livello di antivirus sul proprio pc Windows 7, anche qui tutti i maggiori produttori mondiali di antivirus hanno assicurato un supporto per altri 2 anni a Windows 7 dei loro prodotti e quindi se avete già ora un buon antivirus installato questo continuerà a funzionare senza problemi, nel link qui sotto vi riporto una tabella di AV-TEST (noto sito web di recensione e test dei programmi antivirus) che riporta le date di fine supporto per Windows 7 dei vari produttori :

https://www.av-test.org/en/news/life-after-windows-7-these-antivirus-software-packages-offer-protection-after-the-end-of-support/

(in fondo alla pagina)

L’ultimo problema è il sistema operativo stesso, cioè renderlo sicuro agli attacchi informatici che si possono trovare online o all’interno di una rete con altri pc, qui la cosa è più delicata ma si può optare per una geniale soluzione sviluppata da un’azienda slovena di sicurezza (ACROS Security) che ha sviluppato un piccolo modulo installabile su qualsiasi versione di Windows (0Patch) che applica al volo delle patch di sicurezza per tutte quelle vulnerabilità che si conoscono per quella versione del sistema operativo, in pratica si tratta di un driver e di un servizio Windows che intercettano le DLL e gli eseguibili del sistema operativo vulnerabili e li modificano direttamente in memoria (quindi senza modificare i files originali di Windows !) , in questo modo il componente del sistema WIndows che gira in memoria è immune dal problema di sicurezza, in pratica sono micro-patch dedicate solo alla sicurezza.

Il servizio in questione di chiama 0Patch ed è gratuito solo per uso personale, per le aziende va acquistata una licenza, le versioni a pagamento inoltre proteggono anche altri programmi di Windows e non solo i componenti critici del sistema operativo.

Vediamo come usare questo servizio per le nostre macchine Windows 7 , si parte con una registrazione gratuita sul loro sito web (soliti indirizzo email e password) :

https://dist.0patch.com/User/Register

una volta completata la registrazione verrà chiesto di scaricare l’eseguibile da installare sulla nostra macchina che comunqye è prelevabile anche a questi indirizzi :

https://0patch.com/download.htm

https://0patch.com/

L’installazione non presenta nessuna particolarità basta confermare tutto come al solito andando avanti, al termine della procedura comparirà una finestra come questa in cui dobbiamo registrare l’agent di 0Patch sul nostro sistema usando indirizzo email e password che abbiamo creato in precedenza sul loro sito web :

una volta registrato l’agent procederà al download automatico delle patch esistenti per la nostra versione di Windows e alla loro immediata applicazione, al termine del breve aggiornamento avremo una videata simile a questa che riassume lo stato dell’agent e delle patch installate e attive (oltre a quelle opzionali a pagamento) :

L’agent di 0Patch in pratica non richiede nessuna manutenzione o intervento manuale, fa tutto da sè, si autoaggiorna e applica in automatico tutte le nuove patch disponibili, volendo è possibile disabilitarlo nel caso si avessero malfunzionamenti con qualche programma Windows, ma dalle nsotre prove questa eventualità non è mai successa, diciamo che basta assicurarsi che sia in esecuzione nella barra di Windows per stare tranquilli, se è tutto ok lo vedrete ad ogni avvio del vostro pc in basso a destra come da immagine :

 

 

 

 

 

Che altro dire di 0Patch ? Per un uso personale è un’ottima soluzione per continuare ad usare il nostro amato Windows 7 ancora per qualche anno, per un uso aziendale invece è una soluzione veramente brillante che permette di avere un sistema sicuro anche contro gli expoit zero-day (0Patch rilascia le proprie patch ancora prima di quelle ufficiali di Microsoft !).

Le varie versioni disponibili di 0Patch sono riassunte in questa tabella :

https://0patch.com/pricing.html

 

Riassumento : se siete un azienda e dovete usare Windows per forza migrate a Windows 10, se invece non avete questo vincolo potete pensare ad una migrazione a Linux (gratuita) o a Mac OS (a pagamento con una nuova macchina Apple), per uso privato invece una volta messo in sicurezza Windows 7 (browser, antivirus, patch) potete tranquillamente continuare ad usarlo (almeno fino a quando i produttori delle 3 componenti descritte sopra continueranno a sviluppare i propri sodtware anche per WIndows 7).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

code