«

»

Gen 03

Windows 10 come rallentare frequenza aggiornamenti

Come avrete notato su Windows 10 gli aggiornamenti di release sono piuttosto frenetici, Microsoft ne rilascia ben 2 all’anno (1803, 1809, 1903, 1909, ecc…)  !

Se usate la versione Professional di questo sistema operativo in azienda e volete mantenere stabile per il maggior tempo possibile la release che avete installato sui pc dei vostri utenti potete agire su alcune impostazioni del sistema operativo oppure direttamente sul registry, vediamo come.

 

Se avete delle installazioni che non vi creano problemi e volete mantenere stabile il vostro sistema operativo potete rimandare gli aggiornamenti di release di Windows 10 per un massimo di un anno ed impostare anche un tempo superiore per gli aggiornamenti di sicurezza che vengono rilasciati mensilmente da Microsoft (da 1 a 30 giorni), in questo modo potete tutelarvi anche sulle pessime patch di sicurezza che vengono rilasciate negli ultimi tempi che creano più danni che benefici; impostando per esempio 1 settimana come tempo di ritardo delle patch di sicurezza potete avere la quasi certezza che se Microsoft rilascia un aggiornamento errato i vostri sistemi non lo scaricheranno e nella settimana che passa Microsoft si sarà accorta del danno ed avrà rilasciato la patch aggiornata e stabile !

 

Per cambiare questi settings dovete entrare in :

START -> IMPOSTAZIONI -> IMPOSTAZIONI PC

(che potete aprite anche con la pressione contemporanea di  [WIN] + I )

e quindi scorrere la finestra verso il basso fino a trovare la voce :

AGGIORNAMENTO E SICUREZZA

aprendola avrete una videata simile a questa :

ora selezionando OPZIONI AVANZATE si aprirà un’altra finestra che dovrete scorrere verso il basso fino a trovare la voce SCEGLI QUANDO INSTALLARE GLI AGGIORNAMENTI :

finalmente qui potrete impostare quanti giorni di ritardo volete che il sistema attenda per il cambio di release del sistema operativo (AGGIORNAMENTO FUNZIONALITA’) e per l’applicazione delle patch di sicurezza mensili (AGGIORNAMENTO QUALITATIVO) , nel nostro esempio abbiamo impostato 365 giorni per l’upgrade alla prossima release e 7 giorni per le patch, chiudete la finestra e le impostazioni saranno attive da subito senza riavviare il sistema.

 

La stessa cosa la potete fare anche agendo direttamente sul registry, con queste operazioni :

  • aprite regedit come amministratore della macchina
    start -> esegui -> regedit
  • posizionatevi su questa chiave :
    HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\WindowsUpdate\UX\Settings
  • create (se non esiste già) una nuova chiave DWORD e chiamatela :
    DeferFeatureUpdatesPeriodInDays
  • assegnategli il valore (in giorni) per ritardare il cambio di release, attenzione che il valore è espresso in esadecimale, quindi nel caso convertitelo prima da decimale ad hex, nel nostro caso sarà :
    16d
    (che corrisponde appunto a 365 in esadecimale)
  • create (se non esiste già) una nuova chiave DWORD e chiamtela :
    DeferQualityUpdatesPeriodInDays
  • assegnategli il valore (jn giorni) per ritardare lo scarico delle patch di sicurezza, attenzione che il valore è espresso in esadecimale, quindi nel caso convertitelo prima da decimale ad hex, nel nostro caso sarà :
    7
    (7 è sempre 7, anche in hex ! )

 

Questa è una impostazione che vi consiglio vivamente se volete mantenere stabili e funzionanti i vostri sistemi aziendali, infatti ogni cambio di release di Windows 10 apporta poche o nulle funzionalità per quello che è l’utilizzo aziendale, ma aumenta invece il rischio che la nuova release crei problemi od incompatibilità.

Per maggiori informazioni su questi settings potete fare riferimento anche a questo articolo tecnico di Microsoft , si vede che si sono accorti anche loro dell’inutilità di questi continui aggiornamenti in ambito aziendale !

https://docs.microsoft.com/en-us/windows/deployment/update/waas-configure-wufb

: – )

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

code