«

»

Nov 15

Personalizzare profilo default in Windows 10

Nelle passate edizioni di Windows era relativamente facile modificare il profilo di default sostituendolo con un profilo che era stato personalizzato da noi in modo che tutti i futuri utenti aggiunti alla macchina avessero sempre le stesse impostazioni, gli stessi programmi, icone sul desktop, colori, sfondi, ecc…

Da Windows 8 in poi questa cosa è diventata sempre più difficile per non dire impossibile con Windows 10, però con qualche difficoltà è ancora possibile avere un profilo di default personalizzato alle proprie esigenze.

 

Iniziamo col dire che la procedura non è ufficiale e quindi ovviamente non è supportata da Microsoft, ma dopo varie installazioni possiamo confermarvi che è perfettamente funzionante e che non comporta nessun problema, se non alcuni lievi inconvenienti che vedremo alla fine dell’articolo.

Inoltre è piuttosto complessa quindi seguite tutti i  passaggi con attenzione o non avrete il risultato sperato.

Ovviamente dobbiamo lavorare su un pc che non faccia parte di un dominio di rete e gli utenti creati devono essere locali sulla macchina, solo in un secondo tempo potrete mettere il pc nel dominio aziendale (nel caso fosse necessario).

– collegatevi sul pc con l’utente Administrator se non lo avete ancora attivato / usato collegatevi con altro
utente che faccia parte degli amministratori e quindi abilitate l’utente Administrator, si fa dal prompt dei comandi
(start -> esegui -> cmd.exe)   digitando :
net user administrator /active:yes
quindi scollegatevi e ricollegatevi come Administrator

– abilitate l’utente associato al profilo di default con il seguente comando (sempre dal prompt cmd) :
net user defaultaccount /active:yes

– create un nuovo profilo utente che faccia parte del gruppo Administrators locale, lo useremo per l’installazione di tutti i programmi e per personalizzare il profilo di default usato da Windows, si fa da
start -> esegui -> compmgmt.msc
Utenti e gruppi locali -> Utenti -> tasto dx -> Nuovo utente
compilate i campi necessari (nome utente, password, cambiamento password, scadenza password, ecc..) come da figura, nel nostro esempio l’utente si chiamerà USER :

 

– aggiungete l’utente appena creato al gruppo administrators, basta fare doppio click sull’utente USER e selezionare il tab Membro di e poi aggiungere il gruppo Administrators locale confermando con OK tutte le finestre aperte come da immagine :

 

– Scollegatevi e ricollegatevi alla macchina con il nuovo utente USER appena creato, installate sul pc tutti i programmi che vi serviranno (browser, acrobat, office, ecc…) e personalizzateli, sistemate anche tutti gli altri settaggi di Windows (desktop, sfondi, screen saver, opzioni energia, menù programmi, ecc….), insomma sistemate Windows come volete che appaia a tutti i vostri utenti.

Ovviamente vi consiglio in questa fase di installare (se non lo avete già fatto in precedenza) anche Classic Shell o Classic Start in modo da avere una interfaccia migliore e più professionale per il menù Start di Windows, per maggiori info :

Classic Shell

Classic Start

– Una volta terminato il lavoro di personalizzazione di Windows scollegatevi da USER e ricollegatevi sulla
macchina come Administrator

– Aprite Esplora File (start -> esegui -> explorer.exe) e posizionatevi nel percorso ;
C:\USERS\
(equivalente alla C:\UTENTI\ in italiano)
e rinominate la cartella del profilo di default attuale con un altro nome in modo da avere una copia del profilo di
default originale nel caso qualcosa andasse male, esempio rinominatela da DEFAULT a DEFAULT.BAK

– Ora sempre nella cartella C:\USERS\ fate un copia e incolla della cartella USER, cioè del profilo utente che abbiamo usato in precedenza per la personalizzazione, quindi avremo nel nostro caso una nuova cartella che si chiamerà :
USER – Copia
(ignorate pure i files che il sistema non riuscirà a copiare, si tratta di Edge e di altre app che non ci interessano per il momento, come da immagine)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

– Al termine dell’operazione rinominate la cartella USER – Copia in Default

– Selezionate la cartella Default , tasto destro del mouse ,
Proprietà -> Sicurezza -> Avanzate
e cambiate il proprietario da SYSTEM ad Administrator confermando con OK come da immagini seguenti :

.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

– Verificate per scrupolo (anche se già dovrebbero essere così) che le autorizzazioni sulla cartella Default
siano consentite per i gruppi Everyone e Users per i diritti di :
Lettura ed esecuzione
Visualizzazione contenuto cartella
Lettura

come da immagine che segue

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

nel caso non fossero così modificatele di conseguenza

– chiudete tutte le finestre che erano rimaste aperte confermando con OK

– Aprite regedit (start -> esegui -> regedit) e posizionatevi sulla chiave
HKEY_LOCAL_MACHINE

– Selezionate dal menù la voce File -> Carica hive e scegliete il file
C:\USERS\DEFAULT\NTUSER.DAT

come da esempio :

– Alla richiesta del nome da assegnare per l’hive da caricare date pure USER

– Posizionatevi sulla chiave HKEY_LOCAL_MACHINE\USER e selezionate dal menù il comando File -> Esporta ,
assegnate un nome e un percorso al file di testo .REG da esportare, nel nostro esempio sarà C:\TEMP\USER.REG
come da immagine che segue :

– Ora minimizzate la finestra di regedit ma NON chiudetela !

– Lanciate il Blocco Note   (start -> esegui -> notepad.exe)
ed aprite il file USER.REG che abbiamo appena esportato per modificarlo

– Selezionate dal menù superiore Modifica -> Sostituisci ed impostate i parametri richiesti con :
Trova = C:\\Users\\User
Sostituisci con = %USERPROFILE%
e confermate col bottone [Sostituisci tutto] come da esempio :

in questo modo rendete generico il profilo Default che avete copiato dall’utente User, il profilo diventa quindi non dipendente da un percorso fisso sul disco perchè la variabile di sistema %USERPROFILE% conterrà il percorso del profilo utente generato in modo dinamico a seconda dell’utente che fa il login

– Chiudete il Blocco Note e salvate il file USER.REG modificato

– Riaprite la finestra di regedit che avevate minimizzato in precedenza ed importate il file che avete appena salvato con il comando File -> Importa  , selezionate il file (nel nostro esempio è C:\TEMP\USER.REG) e confermate col bottone [Apri] come da figura :

– Verificate che il file sia stato correttamente importato, dovreste avere un messaggio come questo :

 

 

 

 

 

– Scaricate l’hive USER nel file NTUSER.DAT da cui lo avevamo preso con il comando File -> Scarica hive e confermate con Si come da immagine :

– chiudete regedit

– Aprite Esplora file e posizionatevi nel percorso C:\USERS\ , selezionate la cartella Default , tasto destro del mouse , Proprietà -> Sicurezza -> Avanzate  e cambiate il proprietario da Administrator a SYSTEM confermando con OK come avevamo fatto in precedenza ma questa volta ripristinando SYSTEM come proprietario, la procedura è visibile nelle seguenti immagini :

.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

– chiudete tutte le finestre che erano rimaste aperte confermando con OK

– Aprite un prompt dei comandi (start -> esegui -> cmd) e digitate in sequenza :
C:
CD \USERS\
ATTRIB +H +S Default
in questo modo il profilo di default tornerà ad essere una cartella di sistema nascosta.

 

Ecco fatto ! da ora in poi ogni nuovo utente creato sulla macchina userà come profilo di default quello personalizzato da noi (e quindi si ritroverà con tutti i programmi di Windows e settaggi vari già a posto), per verificarlo basta creare un nuovo utente e fare il login sul sistema, se abbiamo fatto la procedura corretta ci ritroveremo il desktop di Windows identico a quello dell’utente USER usato come modello.

Come dicevamo in precedenza questa procedura non è ufficiale e presenta al momento questi piccoli inconvenienti :

  • le app predefinite verranno comunque resettate al primo login del nuovo utente, esempio se avevate impostato Firefox come browser di default dopo vi ritroverete ancora Microsoft Edge come browser, quindi sarà necessario re-impostare tutte le app predefinite con le nostre
    (tanto per capirci quelle che trovate nel menù  Impostazioni Pc -> App -> App predefinite)
  • il browser Microsoft Edge non funzionerà, non è chiaro perchè ma questa procedura sembra renderlo inutilizzabile, di solito non parte più lanciandolo…. se comunque vi serve per forza lo potete ripristinare come avevamo già spiegato qui in passato :
    Cosa fare se Edge non funziona
  • alcune app di uso non aziendale potrebbero non funzionare più (es. Spotify, ecc…) anche in questo caso forse basta reinstallarle per ripristinarne il funzionamento, sinceramente non ho indagato molto la cosa perchè in ambito aziendale non servono….

 

Ricordiamo che la procedura ufficiale di Microsoft prevede di passare dal sysprep, è molto lenta , complicata e purtroppo ha anche lei qualche grossa limitazione con Windows 10, per maggiori informazioni potete fare riferimento a questo loro documento tecnico :

https://docs.microsoft.com/it-it/windows-hardware/manufacture/desktop/customize-the-default-user-profile-by-using-copyprofile

 

E’ comunque sicuro che poter creare un profilo predefinito per tutti i nostri utenti sia un grandissimo risparmio di tempo, vero è che purtroppo Microsoft con Windows 10 ci ha complicato un  po’ la vita (ed infatti la procedura qui sopra descritta non è proprio velocissima), ma credetemi se gestite molti computer ed utenti in azienda il tempo impiegato per la personalizzazione del profilo si ripagherà immediatamente !

: – )

 

Nota la procedura è stata usata con successo su Windows 10 professional release 19-03 e non ha evidenziato criticità.

 

13 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. Danilo

    Ho seguito la guida alla lettera, ma ne momento in cui devo importare la chiave di registro mi viene restituito l’errore: “Impossibile importare C:\Temp\USER.reg: non tutti i dati sono stati scritti correttamente nel Registro di sistema. Alcune chiavi sono aperte dal sistema o da altri processi oppure si dispone di privilegi insufficienti per eseguire questa operazione.”
    Da cosa può dipendere? Come posso risolvere. Grazie

    1. mdede

      Sta lavorando con l’account Administrator sul pc ? sembra un problema di diritti……

      1. Danilo

        Si sto lavorando con Administrator

        1. mdede

          Sicuro di aver eseguito tutti i passaggi e di aver esportato solo la chiave HKEY_LOCAL_MACHINE\USER del file ?
          La procedura è stata usata decine di volte su macchine di diversi produttori e non abbiamo mai riscontrato quello che segnala…… mi spiace, non saprei cosa altro suggerire se non fare attenzione a tutti i passaggi e ai diritti che vanno assegnati di volta in volta al file system e al registry.
          Saluti

  2. Giancarlo

    Ciao

    sto seguendo la procedura ma al momento di copiare la cartella user per poi rinominarla in default il file “NTUSER.DAT” non viene copiato perchè aperto in System e di conseguenza non lo trovo per proseguire la procedura quando creo l’hive….come devo fare? Grazie

    1. mdede

      Per poter copiare il file NTUSER.DAT bisogna essere collegati sulla macchina con altro utente che sia amministratore, nel caso fosse attivo il Fast User Switching sul pc potrebbe essere necessario riavviare Windows e non solo disconnettersi dall’altro utente per “liberare” il file in questione.

      Se vuole “spegnere” il FUS (consigliato) aggiunga qs. modifiche al registry :

      Windows Registry Editor Version 5.00

      [HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Policies\System]
      “HideFastUserSwitching”=dword:00000001
      “EnableLUA”=dword:00000000

      Riprovi con questi accorgimenti.
      Saluti.

      1. Giancarlo

        Problema risolto ma come ho già scritto ho lo stesso problema che ha presentato l’utente sopra di me non riesco a importare il file sul regedit…a me sembra di aver fatto tutti i passaggi correttamente! Qualche consiglio aggiuntivo in merito? Sono administrator….

        1. mdede

          Non riesco a simulare il problema…. FUS spento ? tutti i programmi chiusi quando tenta l’import ? riesce a mandarmi uno screenshot a info (at) trickit.it ? grazie

          1. Giancarlo

            Ho mandato la mail, non so cosa sia il FUS…..

    2. mdede

      Grazie per l’email, allora il FUS è il Fast User Switching di cui parlavamo prima e che consiglivamo di disabilitare, si tratta della funzione di cambio rapido utente che non fa una disconnessione vera e propria dell’utente (per questo meglio disabilitarla per il ns. scopo).

      Comunque ho rifatto su una nuova macchina la procedura step by step come descritta nel blog e non mi compare il messaggio di errore nell’importazione del file REG , le uniche 3 cose che mi vengono in mente al momento sono :
      1 – per caso ha installato sul suo pc un software di sicurezza o anti-virus che potrebbe bloccare l’accesso al registry ?
      2 – ha minimizzato regedit SENZA chiuderlo mentre modificava il file di testo con Notepad ?
      3 – sta lavorando con l’utente ADMINISTRATOR reale ? intendo proprio con l’utente che si chiama Administrator, non con un utente che è si amministratore della macchina ma non ADMINISTRATOR ?

      Riprovi e mi faccia sapere se risolve.
      Saluti

      1. Giancarlo

        Ciao,grazie della’assistenza.
        Ho disattivato FUSE con una modifica al registro.
        Nella macchina ho solo l’antivirus di windows che ho comunque disattivato.
        Sto usando una macchina virtuale “pulita” su Hyper-v su cui gira Windows 10 pro.
        Ho minimizzato regedit senza chiuderlo.
        Sto lavorando sul profilo administrator che ho precedentemente attivato.
        Ho notato oggi che quando apro notepad ed eseguo il comando “sostituisci tutto” con i parametri indicati sembra che il file non cambi nulla…infatti se lo chiudo dopo l’operazione non mi chiede di salvare le modifiche…. altre idee?

        1. mdede

          Purtroppo no , al momento non ho altre idee in proposito, anche se il fatto che il blocco note non cambi nulla nel file non mi torna….. se scopre cosa la sta bloccando poi ci aggiorni. grazie.

        2. mdede

          Confermo che con alcune macchine Windows 10 19-09 viene dato un messaggio che dice che non è stato possibile importare tutte le voci nel registry quando si fa il caricamento del file USER.REG modificato, ma in realtà le chiavi che ci interessano sono state correttamente importate, quindi ignorate pure questa segnalazione e proseguite con il resto della procedura, tutto dovrebbe comunque funzionare.
          Saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

code