«

»

Ott 04

Controllo online partita iva (VAT)

Oggi vediamo quali strumenti online possiamo utilizzare per verificare la correttezza di una parttita iva che ci è stata comunicata in modo da essere sicuri che appartenga veramente all’azienda che ci interessa; inoltre è possibile controllare anche il codice VAT (sempre partita iva è….) di un’azienda europea.

Infine proviamo a trovare il numero di partita iva partendo dal nome dell’azienda, quindi la ricerca al contrario.

 

Il primo sito web che possiamo usare per controllare la partita iva di un’azienda italiana è ovviamente quello dell’Agenzia delle Entrate che si trova a questo indirizzo :

https://telematici.agenziaentrate.gov.it/VerificaPIVA/IVerificaPiva.jsp

qui basta inserire il numero di partita iva da verificare, il solito captcha e confermare con [INVIA] :

immediatamente avremo la risposta dal sito che ci dirà se la partita iva è ancora attiva o è stata cessata e a chi corrisponde, nel nostro esempio si tratta dell’università di Bergamo come si vede qui sotto :

 

Nel caso dovessimo invece controllare la partita iva (VAT) di un’azienda estera (europea) dobbiamo usare questo servizio della comunità europea che si chiama VIES :

http://ec.europa.eu/taxation_customs/vies/?locale=it

qui andranno specificati lo stato ed il numero di partita iva da controllare e anche stato e numero di partita iva del richiedente (in realtà potete mettere gli stessi valori, non so perchè richiedano i dati del richiedente….) e quindi confermare con il pulsante [VERIFICARE] come da immagine :

anche qui dopo pochissimo avremo la nostra risposta sulla validità del numero inserito e sulla corrispondenza dell’azienda :

 

Vediamo ora come avere l’informazione contraria, cioè partendo dal nome di un’azienda come ricavare il suo numero di partita iva, la cosa è leggermente più complicata perchè inspiegabilmente l’Agenzia delle Entrate non mette a disposizione sul suo sito questo tipo di ricerca.

Una possibilità è controllare il sito web dell’azienda che ci interessa perchè se è italiana deve riportare obbligatoriamente in home page o in qualche sezione contatti del sito il suo numero di partita iva, usando sempre l’università di Bergamo come esempio carichiamo il loro sito web da qui :

https://www.unibg.it/

scorriamo tutta la pagina iniziale verso il fondo e nel footer in basso a destra troviamo tutti i dati della società tra cui anche la partita iva di cui abbiamo bisogno come si vede da questa immagine :

 

 

 

 

 

 

 

 

quindi in questo caso è stato facile ricavare la partita iva, ma se non conosciamo il sito web dell’azienda ?

Possiamo sempre fare una ricerca su Google o su altro motore di ricerca web mettendo il nome dell’azienda, spesso si trovano documenti online o pagine che riportano i dati societari e quindi anche la partita iva.

Un altro metodo ancora è affidarsi alla banca dati ufficiale delle camere di commercio che è consultabile a pagamento (dopo essersi registrat)i a questo indirizzo :

http://www.registroimprese.it/

Un’altra alternativa, gratuita in questo caso, è consultare la Guida Monaci che raccoglie i dati di moltissime aziende italiane (NON di tutte però, quindi fate attenzione) , la versione free la trovate a questo indirizzo web :

https://www.guidamonaci.it/gmbig/business-information/index.php

per avere la migliore probabilità di successo nella ricerca conviene cambiare il campo sulla sinistra in CONTIENE e quindi specificare il nome dell’azienda nel campo a destra.

 

Visto che parliamo di partita iva vi verrà la curiosità di sapere se esiste online anche un database che contenga i codici SDI da usare per la fatturazione elettronica partendo dal numero di partita iva, ebbene anche in questo caso inspiegabilmente l’Agenzia delle Entrate NON mette a disposizione questo dato anche se ovviamente lo conosce !

Misteri della burocrazia………

Vi ricordo però che se dovete emettere una fattura elettronica e non conoscete il codice SDI dell’azienda a cui la dovete mandare potete sempre lasciare il codice a 0000000 (7 zeri) e spedirla via PEC, per fortuna gli indirizzi PEC sono pubblici e li potete trovare con questa procedura che avevamo già spiegato in questo nostro post :

Come cercare indirizzi email PEC

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

code