«

»

Set 13

Mac OS come formattare disco

Diciamo subito che sul Mac non si dice formattare un disco ma inizializzare, anche se il concetto è lo stesso, in pratica si formatta il disco (distruggendo tutto quello che contiene) preparandolo con un file system compatibile con il nostro sistema operativo.

Vediamo quali tipi di formattazione sono possibili sul Mac, quali formati sono usati come file system e quale di questi diversi formati conviene adottare nel caso dovessimo usare un disco esterno da condividere con altre macchine dotate di diverso sistema operativo (es. Windows o Linux).

 

La formattazione (inizializzazione) dei dischi sul Mac si fa dal programma UTILITY DISCO che si trova in :

Applicazioni -> Utility -> Utility Disco

una volta lanciato ci troveremo di fronte ad una finestra simile a questa :

qui dovremo fare i seguenti passi per poter formattare il nostro disco :

  • selezionare il disco da formattare nel riquadro a sinistra che mostra tutti i dischi visibili sul sistema, nel nostro esempio è un disco esterno Toshiba
  • premere il pulsante INIZIALIZZA che si trova nella barra superiore della finestra
  • assegnare un NOME al nostro disco in modo che sia poi facilmente individuabile tra i dischi collegati alla macchina
  • selezionare un FORMATO, cioè il file system da usare per la formattazione del disco (vedremo poi più avanti tutti i vari formati ed il loro significato)
  • premere il bottone INZIALIZZA nella finestra in sovraimpressione ed attendere il completamento dell’operazione di formattazione

 

Fin qui tutto abbastanza semplice e lineare, ma quale formato usare per formattare il nostro disco ?

Se premete il menù a discesa del formato vedrete comparire una finestra come questa in cui sono elencati tanti tipi di file system diversi :

 

 

 

 

 

 

 

 

di default il Mac vi proporrà MAC OS ESTESO, cioè il classico vecchio formato usato da tutte le macchine Apple Mac fino alla versione 10.13 del sistema operativo

 

Riassumendo avremo quindi questi formati tra cui scegliere :

APFS che si può utilizzare sia per dischi di sistema che esterni a patto che stiate usando una versione di Mac OS dalla 10.13 in poi

MAC OS ESTESO che va bene sia per i dischi di sistema che per i dischi esterni e funziona su qualsiasi versione di Mac OS, è il formato da usare anche se volete preparare un disco esterno da usare per il backup con Apple Time Machine

EXFAT è il file system che consigliamo di usare per formattare i dischi esterni o le chiavette Usb , in questo modo i dati che copiate su questo disco saranno visibili sia da Windows che su Linux

MS-DOS (FAT32) stesso discorso di ExFat con però i limiti legati al file system Fat32 che essendo più vecchio assicura si una maggiore compatibilità con tutti gli altri sistemi operativi ma soffre anche di alcune limitazioni come la dimensione massima dei files ammessi limitata a 4 Gb

Inoltre nella tabella sopra vedete che alcuni formati hanno la dicitura (codificato) significa che il disco sarà criptato e non in chiaro, selezionatelo solo se avete stringenti requisiti di sicurezza o rischiate di avere più problemi nel caso sia necessario recuperare dei dati dopo un crash del disco.

 

Per maggiori informazioni sul formato EXFAT (che è quello preferibile per i dischi esterni da condividere con altri) e sui limiti di FAT32 potete anche leggere il nostro post qui :

exFAT supera i limiti di FAT32

 

ATTENZIONE che la procedura di formattazione / inizializzazione del disco cancella in modo definitivo e irrecuperabile i dati contenuti sul disco quindi prestate la massima attenzione a cosa state facendo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

code