«

»

Apr 07

Le sigle degli standard delle reti wireless

In informatica esistono diversi standard di comunicazione tra cui quello che definisce la compatibilità dei vari device per le comunicazioni wireless, è chiamato IEEE 802.11 e si declina in varie evoluzioni che vengono rappresentate da una lettera dopo lo standard, esempio 802.11g.

 

Visto che il significato di ogni sigla è piuttosto ostico vediamo a cosa corrispondo nella pratica e come capire il livello di compatibilità del nostro device con la rete wireless a cui ci colleghiamo.

Una breve definizione di ogni sigla :

802.11
E’ il primo standard ufficiale definito dall’IEEE per le reti wireless nel lontano 1997, lavora sulla frequenza radio dei 2.4 Ghz e permette una velocità massima teorica di 1,2 Mbps, ormai è praticamente in disuso e difficilmente vi capiterà di lavorare con device che rispondono solo a questa specifica.

802.11b
Rappresenta i primi veri apparecchi wireless che si sono diffusi, risale al 1999, lavora sempre sulla frequenza radio dei 2.4 Ghz  ed innalza la velocità massima di trasmissione teorica a 11 Mbps, ogni tanto capita di vedere ancora qualche vecchio device che è limitato solo a questo standard (es. vecchi terminali radio dei magazzini).

802.11a
E’ stato uno standard molto controverso nella sua evoluzione ed ha avuto una definizione precisa solo nel 2001, usa la frequenza radio dei 5 Ghz e permette una velocità massima teorica di 54 Mbps, è stato diffuso negli Usa ma pochissimo in Europa perchè la frequenza dei 5 Ghz da noi era occupata per altre tipologie di reti wireless a lunga portata e per alcune reti radio militari, in pratica non avrete mai a che fare con questi apparati.

802.11g
Rappresenta il boom della diffusione degli apparati wireless presso le aziende e gli ambienti domestici, risale al 2003 ed usa la frequenza radio dei 2.4 Ghz per una velocità massima teorica di 54 Mbps, è diffusissimo ed è retro compatibile con lo standard 802.11b, trovate ancora oggi moltissimi apparecchi che usano solo questo standard.

802.11n
Altro standard che ha avuto diverse declinazioni e qualche problema di incompatibilità nei primi apparati che sono apparsi in commercio, risale al 2009 e può usare sia la frequenza radio dei 2.4 Ghz che quella dei 5 Ghz , grazie alla tecnologia MIMO che permette di usare più antenne contemporanemente per la trasmissione e ricezione dei dati le velocità massime teoriche sono passate da 150 Mbps a 300 , 450 Mbps nel tempo proprio a seconda di quante antenne venivano usate, commercialmente è definito anche Wireless N seguito dalla velocità massima teorica, es. Wireless N150; sono gli apparati più diffusi in questo momento.

802.11ac
E’ l’ultimo standard ufficiale ratificato nel 2014 operante sulle frequenze radio dei 5 Ghz e 2.4 Ghz, può usare una frequenza sola od entrambe, la velocità massima teorica sui 5 Ghz arriva fino a 1300 Mbps mentre usando solo i 2.4 Ghz la velocità massima teorica è di 450 Mbps, i produttori stanno spingendo anche per l’uso contemporaneo di entrambe le frequenze radio per raggiungere altre velocità, ovviamente in queste condizioni qualche problema di compatibilità tra i vari apparati è molto probabile, per fortuna è retrocompatibile con tutti gli standard precedenti e quindi è possibile comunicare anche con apparati 802.11bgn senza grossi problemi, è comunque ancora un pò acerbo e piuttosto caro e quindi si trovano pochi apparati in giro per il momento.

Come vedete gli standard sono parecchi e non sempre perfettamente compatibili tra loro, quale adottare quindi ?

Se la vostra necessità è l’affidabilità e il miglior rapporto prezzo / prestazioni il consiglio è quello di adottare standard “vecchi”, cioè che sono sul mercato da molto tempo e quindi non presentano nessun problema di incompatibilità anche tra produttori diversi.

Una buona scelta potrebbe essere l’ 802.11n nella variante N150 sui 2.4 Ghz (o anche l’802.11g se non avete particolari necessità di velocità), perchè 2.4 Ghz e non i 5 Ghz ? Perchè la frequenza radio più bassa vi assicura una maggiore copertura e una migliore capacità di attraversare muri ed ostacoli rispetto ai 5 Ghz, ovvio che però se siete in un ufficio o in un ambiente domestico “circondato” da tantissimi altri segnali radio a 2.4 Ghz forse passare a una rete a 5 Ghz potrebbe darvi dei vantaggi, ricordate inoltre che la frequenza radio dei 2.4 Ghz è affollata (e quindi disturbata) anche da telefoni Dect, ripetitori segnali TV, forni a micro-onde, altoparlanti wireless, telecomandi, altri apparecchi elettronici wireless, ecc…

Ovviamente sto parlando di apparati di infrastruttura (routers, access points, ripetitori, ecc…) , lo standard lato client (pc, tablet, smartphone, ecc..) è meno rilevante nel senso che per esempio un client 802.11ac non avrà nessun problema a collegarsi al vostro router con il “vecchio” standard 802.11g proprio perchè esiste la retro-compatibilità degli standard nuovi rispetto ai vecchio, ovviamente avrete la velocità massima relativa allo standard comune ai due apparati, nel nostro esempio 54 Mbps.

I produttori riportano sulle confezioni dei loro apparati il logo della Wi-Fi Alliance, cioè dell’associazione che testa e certifica la compatibilità di un apparato con un certo standard, il logo è quello che vedete sopra all’inizio di questo articolo e riporta le lettere dello standard 802.11 che sono rispettati da quell’apparato, esempio se leggete nel WI-FI le lettere bgn significa che quell’apparato sarà compatibile solo con gli standard 802.11b, g ed n.

Se avete dei dubbi su quali standard wirless siano supportati dal vostro apparato cercate le specifiche tecniche sul sito del produttore hardware, oppure direttamente sul sito web della Wi-Fi alliance in questa pagina :

http://www.wi-fi.org/product-finder

basterà digitare nella casella di ricerca il modello del vostro apparato o il nome del produttore per avere un elenco dei device che corrispondo con quel nome e a quali standard rispondono, esempio cercando il router adsl Netgear DGN2200 avremo una videata simile a questa :

in cui vediamo le diverse versioni hardware che sono state prodotte di quel router, nel nostro caso abbiamo l’ultima versione hardware, quindi la DGN2200v4 (l’ultima in basso), se clicchiamo sul simbolo del certificato in basso a sinistra nel riquadro potremo scaricare il documento ufficiale rilasciato dalla Wi-Fi Allianche che riporta gli standard compatibili col nostro router, esempio :

http://certifications.prod.wi-fi.org/pdf/certificate/public/download?cid=WFA17214

Per maggiori informazioni sulle reti wireless ed i diversi standard potete fare riferimento anche a queste pagine web :

https://it.wikipedia.org/wiki/IEEE_802.11

http://standards.ieee.org/about/get/802/802.11.html

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

code